cat07it-cox-cuffia confessione

cat07it-cox-cuffia confessione è un opuscolo sull’opportunità di confessare i nostri peccati a un prete. Se offendiamo qualcuno, sì a questa persona, ma da prete no.

cat07it-cox-cuffia confessione è un opuscolo sull’opportunità di confessare i nostri peccati a un prete. Se offendiamo qualcuno, sì a questa persona, ma da prete no.

cat07it-cox-cuffia confessione
La confessione auricolare a un sacerdote umano è biblica?
[Cat07] v2 ©2014 www.folletosytratados.com
Puoi fotocopiare e stampare liberamente questa brochure

Di tutti i controlli spirituali e psicologici che la Chiesa cattolica ei falsi profeti hanno inventato, non c’è niente di meglio del controllo sulle persone quando confessano i loro peccati a un prete.

I peccati devono essere confessati solo a Dio.

Lui è l’unico che può perdonare. La confessione dei peccati ad altre persone è menzionata nella Bibbia, ad esempio, nei casi di offese tra fratelli. Ma la confessione a terzi non fa mai parte della fede.

“Obbedisci al tuo confessore”

In una certa dispensazione OT, c’erano sacerdoti che intercedevano per il popolo, e quando peccavano, offrivano sacrifici, confessavano i loro peccati e il sacerdote offriva il sacrificio per espiare i loro peccati davanti a Dio. Ma in seguito, questo sacerdozio era nullo davanti al sacerdozio migliore di Gesù Cristo.

Il cattolicesimo cerca di mettere nella stessa condizione i suoi sacerdoti.

“Obbedisci ciecamente al tuo confessore” senza chiedere ragioni. Bada a non esaminare le istruzioni del tuo confessore… Insomma, tieni davanti ai tuoi occhi questa grande regola, che obbedendo al tuo confessore, ubbidisci a Dio. Sforzati di obbedirgli anche se hai paura. Sii convinto che se non gli obbedirai, non ti andrà bene, ma se obbedirai, sarai al sicuro.”

Il vero sposo di Cristo – S. Liguori, p. 352). La confessione auricolare cerca di stabilire il predominio di un essere umano sull’altro. Questo era esattamente il peccato dei Nicolaiti in Ap 2,6.15 e che Dio condanna. “Nicolaita” significa “dominare il popolo”. Dominare il popolo del Signore è un abominio per Dio.

Dominio sul credente

Giudici 17:10 Mica gli disse: “Rimani con me, e siimi padre e sacerdote; ti darò dieci sicli d’argento all’anno, un vestito completo, e il vitto”. E il Levita entrò.
Giudici 17:11 Egli acconsentì a stare con quell’uomo, che trattò il giovine come uno de’ suoi figliuoli.

Giudici 18:19; Gen 45,8; 2 Re 6:21; 13:14 Ciò che fanno le false religioni è strutturare forme psicologiche e spirituali per dominare il popolo di Dio invece di onorare la libertà cristiana, e che abbiamo un rapporto di “fratelli” tra noi (solo Dio è nostro Padre), ognuno con la coscienza e la responsabilità diretta studiare, comprendere e obbedire a Dio. Se questo legame tra credente e la Parola del Signore viene spezzato, allora è facile dominare il popolo di Dio.

Galati 2:4 e questo a cagione dei falsi fratelli, introdottisi di soppiatto, i quali s’erano insinuati fra noi per spiare la libertà che abbiamo in Cristo Gesù, col fine di ridurci in servitù.

Il segno più evidente del falso profeta è che inventa e usa nuove e false dottrine per portare le persone sotto il suo controllo e dominio (la sua falsa dottrina più gli strumenti di controllo).

Atti 20:30 e di fra voi stessi sorgeranno uomini che insegneranno cose perverse per trarre i discepoli dietro a sé.

La manovra del falso profeta è insegnare cose storte, diverse da quelle bibliche, e metterle nella loro mente per impedire l’accesso a Dio, e quindi usare false dottrine. Affermano di essere gli unici intercessori tra Dio e gli uomini. (1Tm 2:5).

Galati 5:1 Cristo ci ha affrancati perché fossimo liberi; state dunque saldi, e non vi lasciate di nuovo porre sotto il giogo della schiavitù!

Abbiamo accesso diretto a Gesù e, quindi, confessiamo i nostri peccati a Gesù solo per ricevere il perdono divino.

Ebrei 4:15 Perché non abbiamo un Sommo Sacerdote che non possa simpatizzare con noi nelle nostre infermità; ma ne abbiamo uno che in ogni cosa è stato tentato come noi, però senza peccare.
Ebrei 4:16 Accostiamoci dunque con piena fiducia al trono della grazia, affinché otteniamo misericordia e troviamo grazia per esser soccorsi al momento opportuno.

Ebrei ci presenta Gesù Cristo come un sacerdote migliore di tutti i sacerdoti umani (perché Gesù è senza peccato, perfetto e accettevole davanti a Dio. Eb 7,26; 2Cor 5,21; 1Pt 2,22; 1Gv 3,5).

Ha sostituito la necessità di sacerdoti umani, possiamo venire con fiducia a Dio attraverso Gesù Cristo. Quando confessi i tuoi peccati a un sacerdote, ricorda che molti di loro sono pederasti o adulteri. Ha senso inginocchiarsi davanti alla sua autorità, umiliarsi, confessarsi. Perché chiedere perdono a un intercessore che porta forse peccati peggiori di quelli che tu confessi? No, Dio ha comandato che Gesù sia l’unico mediatore.

1 Timoteo 2:5 Poiché v’è un solo Dio ed anche un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo, Eb. 7:25; 12:24.

Il nostro Maestro e Guru

Matteo 23:8 Ma voi non vi fate chiamar “Maestro”, perché uno solo è il vostro maestro, e voi siete tutti fratelli.
Matteo 23:9 E non chiamate alcuno sulla terra vostro padre, perché uno solo è il Padre vostro, quello che è ne’ cieli.
Matteo 23:10 E non vi fate chiamar guide, perché una sola è la vostra guida, il Cristo:
Matteo 23:11 ma il maggiore fra voi sia vostro servitore.
Matteo 23:12 Chiunque s’innalzerà sarà abbassato, e chiunque si abbasserà sarà innalzato.

Gesù ha comandato di non permettere a nessuno di stabilire un rapporto di controllo e dominio su di te, tranne Gesù Cristo.

Gesù è il nostro Padre Eterno (Is 9,6) che ci dona la vita eterna e ci manda come Lui vuole. È importante notare che i sacerdoti insegnano ai cattolici a chiamarli “padre”. Questo fatto implica già la sudditanza, che essi hanno stabilito come dominio sul popolo di Dio.

Matteo 9:6 Or affinché sappiate che il Figliuol dell’uomo ha sulla terra autorità di rimettere i peccati: Lèvati (disse al paralitico), prendi il tuo letto e vattene a casa.

Marco 2:7 Perché parla costui in questa maniera? Egli bestemmia! Chi può rimettere i peccati, se non un solo, cioè Dio?
Marco 2:10 Ora, affinché sappiate che il Figliuol dell’uomo ha potestà in terra di rimettere i peccati:

Solo il Signore può perdonare a Dio le offese dell’uomo. Il peccato è un’offesa tra due persone e la persona offesa ha il dovere di perdonare l’offensore.

Confessiamo i nostri peccati a Dio

“confessare” è “dire peccatori”. Come Dio dichiara in

1 Giovanni 1:8 Se diciamo d’esser senza peccato, inganniamo noi stessi, e la verità non è in noi.
1 Giovanni 1:9 Se confessiamo i nostri peccati, Egli è fedele e giusto da rimetterci i peccati e purificarci da ogni iniquità.
1 Giovanni 1:10 Se diciamo di non aver peccato, lo facciamo bugiardo, e la sua parola non è in noi.

La confessione cerca il perdono che solo Gesù può perdonare). Questa confessione si fa “davanti agli uomini” Matt. 3:6; 10:32; Marco 1,5 come un fatto pubblico, ma mai prima di un’autorità religiosa (come un sacerdote).

L’ammissione della tua condizione di peccatore e la confessione di Gesù come tuo salvatore fanno parte della salvezza Giovanni 9:22. Questo deve essere pubblico. Confessione non è elencare i tuoi peccati, ma ammettere che sei un peccatore, che te ne penti e che hai fede in Gesù il Cristo o Salvatore Giovanni 12:42; Hch. 12:14 La salvezza consiste nel confessare che Gesù è il Signore, che è risorto dai morti Rom. 10:9-10. Senza confessare Gesù come tuo salvatore (morto e risorto), non puoi essere salvato 1Giovanni 4:2-3, 15.

Confessiamo a un fratello offeso

Ogni peccato è contro Dio Salmi 32:1, 4, e Dio ha è colui che perdona.

Matteo 18:15 Se poi il tuo fratello ha peccato contro di te, va’ e riprendilo fra te e lui solo. Se t’ascolta, avrai guadagnato il tuo fratello;
Matteo 18:16 ma, se non t’ascolta, prendi teco ancora una o due persone, affinché ogni parola sia confermata per bocca di due o tre testimoni.
Matteo 18:17 E se rifiuta d’ascoltarli, dillo alla chiesa; e se rifiuta di ascoltare anche la chiesa, siati come il pagano e il pubblicano.
Matteo 18:18 Io vi dico in verità che tutte le cose che avrete legate sulla terra, saranno legate nel cielo; e tutte le cose che avrete sciolte sulla terra, saranno sciolte nel cielo.

In caso di offesa tra fratelli, i due dovrebbero risolvere la questione tra loro.

Primo: confessione del male che si è fatto. Se si rifiutano di ascoltare, dovresti portare la questione alla chiesa locale per incoraggiarli a risolvere le loro divergenze. Questo è così importante che non dovremmo nemmeno cercare Dio, se abbiamo qualcosa contro un fratello (Matteo 5:23-26).

Giacomo 5:16 Confessate dunque i falli gli uni agli altri, e pregate gli uni per gli altri onde siate guariti; molto può la supplicazione del giusto, fatta con efficacia.

La confessione di una persona all’altra, si fa quando c’è un’offesa personale contro l’altra, e deve essere risolta tra loro, prima di ogni altra cosa (l’offeso deve chiedere perdono all’offeso).

Dio dà ai cristiani il potere di risolvere le offese tra fratelli qui sulla terra. Questo potere è noto in 1Cor. 6, dove Paolo non si costituiva giudice, ma rimproverava invece i fratelli di non aver risolto le loro divergenze, almeno davanti ai fratelli devoti nella sua chiesa. Lo scopo era risolvere i conflitti tra fratelli, comprendendo che non si tratta di una totale confessione di perdono di tutti i peccati.

Informare il mondo della salvezza

Giovanni 20:23 A chi rimetterete i peccati, saranno rimessi; a chi li riterrete, saranno ritenuti.

uan insegna che i cristiani sono messaggeri del vangelo. In questo senso, aprono al mondo il regno di Dio. Dare la conoscenza della salvezza è informarli del “perdono dei loro peccati” dice Luc. 1:77, ma non è nostro il “potere” di perdonarli, ma semplicemente spiegarglielo per condurli alla salvezza.

Gesù non trasferisce in alcun modo il suo potere di perdonare gli altri, perché solo Dio ha il potere di perdonare (Mc 2,7.10 “Chi può rimettere i peccati se non Dio solo?”). Ma Gesù ci ha dato l’incarico (2Cor 5,18-20 “ministero della riconciliazione… noi siamo ambasciatori”; Gv 20,21. Insegnare e predicare il perdono dei peccati al mondo (evangelizzare). Tutti i salvati hanno questo incarico, e non è il potere di perdonare, ma l’obbligo e l’incarico di informare sul perdono a disposizione di tutti.

Atti 26:18 per aprir loro gli occhi, onde si convertano dalle tenebre alla luce e dalla podestà di Satana a Dio, e ricevano, per la fede in me, la remissione dei peccati e la loro parte d’eredità fra i santificati.

Confessione protestante

Ci sono gruppi protestanti (come il G12 e alcuni pentecostali), gruppi di aiuto psicologico, come gli Alcolisti Anonimi, che si esercitano a confessare i propri peccati (a un’altra persona). È un modo per tenere, dominare e controllare facendo vergognare alcuni di fronte ad altri. Quando uno si confessa all’altro, gli si sottomette come autorità.

cat07it-cox-cuffia confessione

Altri opuscoli per i cattolici